I nazisti americani e il sostegno a Donald Trump

Quando abbiamo ricevuto questa mail non potevamo credere ai nostri occhi. L’idea era quella di raccontare un movimento politico americano poco conosciuto in Italia, un gruppo che attraversa l’intero Paese e che ha sostenuto, anche se non ufficialmente, la corsa presidenziale di Donald Trump.

Leggendo le risposte alle nostre domande ci siamo ritrovati direttamente negli anni Trenta. Un salto temporale, certo non del tutto inaspettato, ma assurdo e che sicuramente merita attenzione.
A risponderci è Jeff Schoep o, come recita il suo indirizzo mail, il Commander Schoep, il leader del National Socialist Movement americano, il movimento Nazionalsocialista statunitense.

Teste rasate, svastiche e saluti romani. A guardare le fotografie pubblicate sul sito del movimento (www.nsm88.org) sembra di essere capitati sul set del film ‘American History X’. Manifestazioni dove le bandiere a stelle e strisce vengono affiancate e quelle con la croce uncinata. E ancora, raduni in campagna con cappucci bianchi in testa e svastiche incendiate nella notte.


Il movimento, fondato nel 1973, è “ nazionalista e nazionalsocialista, un’organizzazione che si batte per i diritti civili dei bianchi”. I valori di riferimento? Molto semplici: “famiglia, razza, nazione e difesa dell’America”.
Sebbene il Commander spieghi che siamo nel 2017 e non negli anni Trenta o Quaranta del Novecento, “i punti in comune con il partito Nazista originale sono molti. L’omosessualità è una malattia – dice Schoep – e non può essere promossa dal sistema sanitario come una pratica normale”. In più, nonostante ebrei ed afroamericani “abbiano il diritto di esistere”, è meglio che ai primi “sia vietato l’accesso alla vita politica del Paese e che ai secondi venga data la possibilità di radunarsi in uno Stato creato per loro”.


Discriminazione razziale, separazione, esclusione. Tutti argomenti che trovano una radice comune quando Schoep spiega come Adolf Hitler “sia stato un grande uomo sotto molti aspetti, nonostante abbia commesso qualche errore”.

 

Ma perché hanno scelto di supportare Trump?
“Ci è sempre piaciuta la sua posizione ‘America First’ – spiega il Commander – e abbiamo apprezzato la sua buona volontà nel bloccare l’immigrazione illegale negli Stati Uniti. Recentemente però abbiamo condannato l’attacco militare alla Siria, immotivato e rivolto ad uno Stato sovrano”.

Infine un pensiero per il futuro. “Speriamo che il nostro movimento possa crescere ancora, anche all’estero, in Germania, Russia, Grecia, Francia, Italia, Siria, Iran. Il nostro tempo è arrivato. Ѐ giunto il nostro turno per sistemare le cose”.

Photo by www.nsm88.org

Alessandro Cracco
@alessandrcracco

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

5 risposte a “I nazisti americani e il sostegno a Donald Trump

  1. Questa è la caratteristica “reazione” ad “azioni” che nel tempo hanno fatto degenerare il concetto di “normale e naturale”. Troppi buonismi, possibilismi, relativismi e “frocismi” vari, hanno caricato una bilancia tutta da un lato forse il peggiore, ora è ovvio che qualcuno voglia riequilibrarla caricandola dallato opposto. Io tuttsommato sono in sintonia, perlomeno fin quando l’ago non ritornerà al perfetto “equilibrio”!!!!

  2. mi fa paura che esistono persone di questo genere, questa paura deriva dal fatto che trump, non riesco a chimarlo presidente, è una persona che incarna quel pensiero e presto tutti gli americani se ne renderanno conto. spero che in europa quel genere di politica non ritorni mai più, sebbene ci sono ancora delle frange che inneggiano all’odio e i politici di oggi inneggiano a tale odio solo per avere una poltrona.
    ahimè putroppo l’uomo ha la memoria corta e contorta e prego DIO affinchè queste persone che inneggiano all’odio si ravvedano!

  3. Buonasera
    Una cosa è sicura. Stà facendo più danni l’ UE rispetto agli anni che il Nazionalsocialismo ha governato in Germania. Hitler, ha preso in mano un paese sull’orlo del fallimento e lo ha fatto diventare un paese potente e invidiato da tutto il mondo. La prova di quello che dico è il fatto che per sconfiggere l’armata teutonica, c’è voluta la qualizione di tutto il mondo. Ancora oggi la Germania deve il suo successo economico, a leggi inventate e usate da Hitler, leggi che ancora oggi vengono usate senza particolari problemi. Il Nazismo e il Comunismo, sono due movimenti che non finiranno mai e ci saranno sempre persone e paesi che seguiranno la loro logica politica, giusta o sbagliata che sia. Tutte e due hanno una cosa in comune. Dietro di loro hanno lasciato una scia di morti. Ma non dobbiamo meravigliarci. Quello che stà succedendo ora è molto ma molto peggiore. Una volta c’era il Nazionalismo e l’Onore per la Patria e la Bandiera. Oggi esistono solo politici legati alle banche e alle multinazionali che per denaro, schiacciano quotidianamente i più deboli. E molto spesso, gli stessi concittadini. Buona serata.
    Cordialmente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *