I sottomarini nucleari abbandonati. Kola: il recupero dei relitti

Se la fantasiosa storia del Capitano Borimir racconta di un ritorno alla base malinconico, l’effetto di quello storico abbandono è ben più concreto e reale. Tra il 1990 e il 1991 il problema del “cimitero dei sottomarini” diventò una vera bomba ecologica. Per capire la portata del problema, basta mettere su un motore di ricerca internet la chiave “Submarine Graveyard“, ed ecco il risultato . Quel rifugio sulla costa orientale della Russia, che al termine della guerra fredda, è diventato per anni il nascondiglio della più grande e degradata flotta di sommergibili a propulsione nucleare del mondo. Una discarica di reattori dismessi, dove da almeno 30 anni si accumulano scorie altamente radioattive. I meno pericolosi, quasi 20.000 “carichi”, sono stati affondati più o meno di proposito. Dopo anni di indifferenza, intorno al 2012, i Governi di mezza Europa vengono però informati dalla Russia di questi scarichi scellerati, contestualmente ad una palese richiesta di aiuto per lo smantellamento dei tantissimi relitti sparsi lungo chilometri di coste innevate. Continua a leggere