Mamma sono diventato cattivo: i criminali della storia erano tutti “bimbi bravissimi” e “mammoni”

Mussolini, Hitler, Stalin, Bin Laden e anche Al Capone. Sono solo alcuni dei personaggi passati alla storia per essere diventati malvagi tiranni, spietati dittatori e pericolosi criminali.

Figure inebriate e corrotte dal potere, diventate purtroppo celebri per aver lasciato un solco profondo nella storia dell’umanità, causando anche guerre e milioni di morti.

Cattivi, con un lato umano molto discutibile o addirittura assente. Eppure, come tutti, anche questi uomini accecati dalla follia hanno avuto una madre. Ovvero inediti rapporti genitore-figlio che probabilmente hanno condizionato le loro vite e la loro crescita, incuriosendo molto gli studiosi…

La Pagina Mancante di questa vicenda ha fatto quindi emergere una sconcertante verità: questi uomini – tra i più pericolosi e temuti di sempre – erano bravi bambini che amavano profondamente la loro mamma! Non solo, in alcuni casi, erano addirittura ritenuti timidi, introversi e un po’ “mammoni”; vittime di una relazione morbosa e a tratti distorta con il seno materno che li aveva allattati…

Continua a leggere

I sottomarini nucleari abbandonati. Kola: ritorno alla base

L’immagine della luna riflessa nelle gelide acque della baia di Kola si fece traballante. Quello specchio perfettamente liscio iniziò ad incresparsi, scomponendosi e spezzandosi in mille frammenti luccicanti. Prima lentamente, in silenzio, poi accompagnata da un crescente gorgoglio, simile a quello dell’onda di risacca. La quiete dell’acqua veniva turbata da una presenza ingombrante: una sagoma scura che provava senza grande successo a nascondersi nella notte. Un gigantesco profilo tondeggiante, che affiorava lento, emergendo con decisione dalle profondità del Mare di Barents. Un mostro marino nero, nel cui stomaco brontolava la più devastante delle potenze: quella nucleare. Un’arma letale, la cui progettazione non aveva minimamente tenuto conto degli effetti collaterali dell’usura e del passare degli anni. Il tempo di completare l’emersione e il Capitano Borimir Rybakov uscì dal portellone, ammirando le rotondità del suo Classe Akula. Fiero e deciso, il sommergibile si dirigeva col passo dei 20 nodi verso la base di Murmansk, quartier generale della Flotta Russa del Nord. Continua a leggere