11/9, la moglie di una vittima: faccio causa all’Arabia Saudita

“Sono al 104° piano, sto andando verso la tromba delle scale per raggiungere il tetto ed essere salvato”. Thomas Strada è ancora convinto di farcela. Crede di poter tornare a casa da sua moglie e dai suoi figli. Non sa che pochi istanti dopo la torre nord del World Trade Center di New York, dove lui si trova, collasserà su se stessa. Queste sono le sue ultime parole, urlate al telefono alla moglie Terry. Sono le 10 e 28 minuti dell’11 settembre 2001.
Continua a leggere