Moby Prince, la verità shock: i passeggeri potevano salvarsi

Relitto Moby PrinceLamiera contro lamiera, scintilla dopo scintilla. Una nave, la Moby Prince, si trasforma in un’enorme torcia di fuoco sul mare. Si propaga un inferno di fiamme, fumo denso, tossico, sprigionato dalla combustione del petrolio. Il destino del traghetto e dei suoi 141 passeggeri è purtroppo, drammaticamente, già scritto. L’unico a salvarsi è il mozzo Alessio Bertrand. Pochi istanti prima, quando sono le 22.25 del 10 aprile 1991, proprio la prua del traghetto sperona il lato posteriore destro della petroliera Agip Abruzzo. Una tragedia davanti agli occhi distratti degli operai del porto di Livorno.
Cosa è successo veramente quella notte? Come è possibile che il personale della Moby Prince non abbia visto una petroliera lunga 330 metri e alta come un palazzo di cinque piani? Come mai quella sera nessuno si preoccupa del traghetto, nonostante fosse appena uscito dall’ultima diga del porto? Continua a leggere